Pagine Scritte

Il manoscritto Voynich

È stato definito “il libro più misterioso del mondo“. Sto parlando del Manoscritto Voynich, un piccolo volume conservato in una biblioteca dell’Università di Yale che prende il nome dal libraio polacco-americano Wilfrid M. Voynich, che lo aveva acquistato nel 1912. E’ formato da 240 pagine ed è scritto in una lingua completamente sconosciuta e, al momento, non ancora decifrata.

Scritto in Europa centrale nel XV secolo, ha una dimensione leggermente maggiore di un tascabile ed è composto da 246 pagine di pergamena. Non contiene un indice, ma probabilmente era costituito da pagine apribili da tempo andate perdute. Mancano dei numeri di pagina e vi è un indizio che a un certo punto possa essere stato restaurato; l’attuale ordine delle pagine potrebbe dunque essere diverso da quello risalente alla pubblicazione del volume.

Sulla base delle illustrazioni, gli studiosi ritengono che il volume sia diviso in sei sezioni, dedicate rispettivamente alla botanica, all’astronomia, alla biologia, alla cosmologia, alla farmacologia e alle ricette. È possibile che il manoscritto avesse degli scopi magici o scientifici.

I documenti storici mostrano che il volume è passato dalle mani di alchimisti e imperatori. Alla fine del XVI secolo, Rodolfo II d’Asburgo acquistò il manoscritto da un astrologo inglese per 600 ducati veneziani, credendolo opera del teologo e alchimista Ruggero Bacone. Il volume è poi divenuto proprietà di un farmacista boemo.

Per chi si fosse incuriosito e volesse saperne di più, la rete offre tantissimo materiale ad iniziare dalla omonima pagina Wikipedia

Manoscritto Voynich

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *