Ritroviamo la fantasia

Ho appena letto che, grazie all’ennesima App, è possibile utilizzare l’intelligenza artificiale per avere, in un batter di ciglia, le più complete istruzioni per utilizzare i mattoncini Lego per costruire tutto ciò che è possibile. In pratica accade questo: si fotografano i pezzi a disposizione e poi, passo dopo passo, incastro dopo incastro, video dopo video, si diventa “mano” di una “mente altra“, con risultati che sono i migliori, in assoluto, tra quelli possibili.

Si, però, c’è un però…

Leggendo l’articolo, infatti, mi è tornata alla mente una considerazione ascoltata giorni orsono, all’interno dell’attivissima Biblioteca Ragazzi di Viareggio. Accompagnata mia figlia Stella, stavo attendendo che iniziasse un originale e piacevole corso di creatività, divertimento e gioco. Cinque partecipanti per ogni gruppo ed una giovane “Tata” pronta a prenderli per mano ed accompagnarli in uno spazio pieno di libri, colori ed oggetti.

Una delle mamme presenti, un’insegnante, commentando positivamente la bella iniziativa, ad un certo punto dice: “C’è tanto bisogno di questi momenti perchè i bambini, negli ultimi mesi, hanno perso anche la fantasia“.

Ed in effetti, se ci pensiamo, quante limitazioni, veti, privazioni, condizionamenti, in questi due anni, hanno riguardato soprattutto i bambini? Dalla scuola al tempo libero, dallo sport alle normali attività che si dovrebbero fare nei primi anni di vita, i più piccoli sono stati sicuramente, in una sorta di disinteresse generale, i più colpiti.

Per questo, e torno alla Lego, mi auguro che al più presto i “futuri adulti” possano ritrovare, senza app o strumenti terzi, la capacità, la bellezza, la forza ed il valore della fantasia, in modo che la metà di una noce possa trasformarsi in un’invincibile nave pirata, una scatola di cartone in un castello incantato, dei gessi colorati nell’arcobaleno dei sogni, alcune nuvole bianche in un cartone animato proiettato sullo schermo del cielo e che qualche mattoncino ad incastro possa diventare il più grande carro della storia del Carnevale.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.